Tutti qui

Verona 5 dicembre
Treviso 9 e 10 dicembre

Veramente le parole per raccontare i tre concerti appena vissuti faticano ad uscire.
Sembrano avere poco potere di fronte alle emozioni ma c' la voglia di "trasmettere".
E allora ci provo.
Lunedi mattina ho chiuso la cartellina gialla, contenitore di viaggi, pi e meno lontani.
Ho guardato come fosse la prima volta il riflesso su un pianoforte appeso al muro. Tempo di passaggio, di passaggi.
Passaggio di un vento, afferrato per brevi istanti e gi sfumato guardando dallo specchietto retrovisore.
E' passato Claudio da queste parti. E' passato in un soffio, portando con se un bagaglio di cuori, di occhi, di vite.
Ben 3 incontri in poco tempo: Verona, Treviso, Treviso.
Non ci si abitua mai, soprattutto perch ogni appuntamento unico e irripetibile, e se a volte insegui il "concerto perfetto" altre volte te lo ritrovi tra le mani e il cuore.
Partenza! Frettolosa fuga dall'ufficio, orario impossibile, traffico, code, ansia, nervosismo.
Arriviamo al palazzetto, sono gi trafelata.
Non c' il tempo per rendersi conto di nulla, si spengono le luci.Non ho ancora ripreso fiato, mi arrivano brividi come se fossero provocati dal fascio di luce delle pile nel buio.
Immediato collegamento con chi f parte di quel tutto. Trovo il modo per portarmi in quei primi minuti visi e cuori che hanno fatto e fanno un viaggio parallelo al mio.
Tutti qui......quanti nomi...quante citt....quanto vorrei prendere anch'io in mano un fascio di luce e puntarlo verso qualcun altro....
Siamo in alto a Verona. Vedo un panorama meraviglioso, fatto di curve di "cielo" che stasera un soffitto. Ogni odore un ricordo. Ogni momento nel magazzino della musica.
A Verona ci si scatena. Prendo visione di mille particolari che non avevo notato a Caserta, addirittura sono convinta che non ci fossero!!
La serata scatenata, esco di li rassicurata, dopo un mese tutto funziona, tutto si incastra perfettamente con il messaggio di questo tour.
Il palco ha un senso, i colori hanno un senso, la presentazione, il brano che apre, i saluti, persino i medley che non amo per niente hanno motivo di essere apprezzati.
Del concerto di Verona mi ha colpito l'insieme, la voce di Claudio, la musica: tanta, tanto suonata, tanto vissuta, tanto interpretata, la musica di una vita intera " gi da tanto che suono" in ogni angolo, in ogni momento, in ogni ricordo.
A Treviso il magazzino della musica si riempie ancora.
La prima fila toglie il fiato. Mi paralizza, ne sono ammaliata.Sono convinta che, se fosse possibile, il concerto andrebbe visto da prospettive diverse, per cogliere e sorprendersi ogni volta.
A mezzo metro dal palco non vedi nulla, vedi "solo" l'artista. Perch con questi occhi che io st li davanti a Claudio incantata. Lui la sua musica.
Tutta. Lui quello innamorato della sua maglietta fina, quello che voleva essere un grande mago, il cavaliere che cerca sulla strada i colori, quello delle domande senza risposta, l'uomo della storia accanto.
Le sue braccia sono quelle aperte per mille cuori, se potesse, se potesse far crescere acqua dalla luna, le sue mani si chiudono quando i pugni stanchi crollano, le sue mani si aggrappano all'asse di una vita che fugge.
I suoi piedi calpestano ore vuote come uova di cioccolato, logorando strade, ballano cullando il ricordo. I suoi occhi guardano lontano, un mare che ormai un lago, un amore che non torner, un poster che non lo porta pi via.
In tre ore ti senti dentro millesoli, millegiorni, millenotti, tre ore in prima fila devi salutarle cantando "la vita adesso". Devi saltare per forza, perch altrimenti le emozioni ti stendono. Devi prenderti quel cuore che ti viene lanciato pensando che avrai altro tempo per continuare ad esserne parte.
La seconda data di Treviso mi vede "distratta" dai contorni, da una serie di contrasti che ti mettono difronte all'altra faccia di tutto questo. Quella che non mi appartiene, quella che vorrei evitare, quella con la quale non so confrontarmi, quella che vorrebbe velare di nuvole le ore felici.
Tra tante "immagini" mi piace ricordare anche quella di un pubblico caldo a Verona e caldissimo a Treviso. Colorato, partecipe, rumoroso, entusiasta, attore e culla di un abbraccio strapieno di affetto.Volutamente tralascio i nomi e i racconti degli incontri perch spero che le emozioni vissute insieme siano pi forti delle parole che in questo momento sono incapace di tirar fuori.
So che gli occchi incrociati hanno visto, che la magia di alcuni incontri rimarr dentro a lungo.
Sul finale di ogni mio scritto penso a Claudio, ai suoi incontri con noi.....e mi ritorna in mente una sua frase detta un p di tempo f... " un volo durato 35 anni, grazie per avermi fatto volare cos".
Grazie a Claudio e a chi ha soffiato sulle mie ali.
 

Ori

 TORNA ALL'INDICE