Raduno e C.

Fiuggi, 17/01/10

Impressioni a caldo....
Non lo so dove andro' a finire con le parole, mi stanno guidando sensazioni confuse alle quali non riesco a dare una forma, forma che di sicuro non ha il sapore della poesia.
Certo e' che di primo impatto la domanda che mi era stata posta alla vigilia della partenza ("ma secondo te Baglioni ha ancora voglia di fare queste cose, si insomma come li chiamate voi, raduni?...[...] ") ieri ha punto come una spilla gli angoli del mio cuore piu' volte facendomi del male
Mi ha fatto male vedere persone di una certa eta' e non solo con chiare difficolta' di posizionamento. Mi hanno fatto male le risposte prive di ogni forma di rispetto e considerazione,che di riflesso sentivo arrivare dagli organizzatori ( e nel calderone ci metto tutti) davanti alle nostre richieste e al nostro smarrimento.
Nell'agitazione piu' totale degli animi, mi ha ferito Claudio che entrando, e tale entrata io l'ho avvertita con una certa irruenza, con il brano "e adesso la pubblicita'" ha forse pensato di spostare l'attenzione sul piano emozionale e festoso. Lo sbaglio piu' grande che a mio avviso abbia fatto, annullando cosi', nello spazio tempo di una canzone, parole importanti come rispetto, confronto, considerazione....
Questa mossa non e' stata delle migliori e Claudio con una certa arroganza (sempre per come l'ho vissuto io) ha quindi iniziato a farsi carico della situazione per riportarla sotto un controllo quanto meno il piu' possibile civile dal punto di vista comportamentale e di posizionamento.
Cosa molto difficile scendere a compromessi con gli affezionati (e imbucati) del sottopalcoatutticosti....
Ma non staro' qui a raccontare i mille particolari che avranno fatto il giro della rete, cosa e' stato ormai lo sappiamo tutti, oggi non ho voglia di sottolineare di chi siano e meno le responsabilita', della scelta del luogo in primis e della civile convivenza in seguito....Cla...Clab....clabber, perche' se e' vero che da parte dei primi c'e' poco  rispetto nei nostri confronti, e' vero anche che, per guadagnare un metro, di rispetto ce n'e' poco tra di noi verso noi stessi. E ciascuno nei rispettivi ruoli faccia le proprie considerazioni.
Io tra le mie considerazioni non riesco a cancellare quell'irruenza, quell'arroganza che ho vissuto inizialmente ma che piano piano ho visto, forse solo con i miei occhi, trasformarsi sul volto di Claudio facendosi spazio e riassumendo il tutto in una lunga espressione di dispiacereOra vi scaglierete contro di me, ma io quell'espressione non riesco a dimenticarla, certo, nella stessa misura con cui non dimentico cio' che ci siamo trovati di fronte entrando, non perche' io consideri un sacrilegio vivere un concerto totalmente in piedi o seduti per terra, ma proprio perche', ignari di questa sistemazione, ci hanno negato la possibilita' di scegliere. E questa secondo me e' stata la cosa piu' grave.
Ma il volto di Claudio io l'ho stampato nella memoria e non riesco a sfumarlo. Non riesco a sfumare l'impegno che ha messo nel prendere in mano il controllo della situazione di cui si e' fatto carico, non riesco a sfumare l'impegno che ha messo nell'iniziare da capo una sera che di festa aveva solo una lontana parvenza. Non riesco a sfumare l'obbiettivo cui lui si e' prefissato e che per quanto mi riguarda e' riuscito a raggiungere. Non riesco a sfumare tutto cio' che ha dato cercando di compensare un disagio di cui ha dovuto farsi carico in prima persona visto che poi davanti a certe situazioni viene lasciato solo dal suo entourage. E per questo gli dico grazie.
Perche' se il tema del raduno era "La Costruzione del tempo" ai margini di tale titolo sicuramente c'e' stato "La Distruzione" prima....e la Riconquista" dopo.... e alla fine eravamo tutti e dico tutti a cantare e ballare e le emozioni insieme a noi.
E purtroppo (ma oggi aggiungo per fortuna!) il nostro punto debole e' questo. E loro sanno dove colpire. E ci riescono.
Impressioni a freddo.....
Questo mini racconto a caldo aveva un finale diverso da quello attuale ma..... Su questo raduno e' stato scritto tanto e mi sono resa conto di aver perso qualcosa. Tra le varie cose mi sono persa, fortunatamente, i tappetini lanciati contro Claudio, ho continuato a rimanere seduta e forse per questo non li ho visti volare...e ora mi viene in mente solo una parola che un amico seduto vicino a me mi ha detto scuotendo la testa...."che tristezza...."
Come da una pseudo ragione passare dalla parte del torto.
Facciamo parte di una associazione ed insieme dobbiamo trovare il modo di fare del raduno una bella festa (perche'questo e'), da condividere con serenita' da parte di tutti nel totale rispetto reciproco. Non vanno bene le proteste incivili da una parte, non va bene che ci neghino la parola dall'altra.
Dobbiamo crescere tutti indistintamente da ambedue le parti se vogliamo trovare civilmente una via di comunicazione che possa essere quantomeno costruttiva ed abbia sbocchi verso orizzonti nuovi volti all'ascolto. Auguriamocelo, per una prossima riuscita di una bella festa insieme....se ci sara'. Il Sogno e' sempre...in tutti i sensi e con i sensi ancora scossi dell'interpretazione di Claudio durante questo pezzo rivisitato per l'occasione di quello che doveva essere e, con fatica sotto certi aspetti, per me lo e' stata, una festa.

chi tra di noi tradý o Ŕ tradito
chi ha chiesto e chi non ha voluto
se il nostro gioco Ŕ giÓ finito
solo invecchiato o pure cresciuto....


Un ringraziamento speciale va' alla giovane coppia con cui ho condiviso questi due giorni. Anche quelle lacrime vicino a me mi hanno fatto male, ci teneva tanto a far vivere una bella festa al suo amore....
Un altro non meno speciale va alle persone che seppur fugacemente dopo tanto tempo sono riuscita ad incontrare e/o finalmente conoscere.
Ma il piu' grande va a Sandrino che con non poche difficolta' di viaggio tra andata/ritorno mi ha spinto a proseguire
invitandomi a non fermarmi davanti a niente, e a crearmi intorno lui stesso con la sua allegria e partecipazione finale, un clima di festa in quello smarrimento piu' totale....che a tratti faceva sosta sul mio volto.

Silvia

 TORNA ALL'INDICE